Crea sito

DENTI BIANCHI Come mantenere un sorriso bello e sano

Your ads will be inserted here by

Easy Plugin for AdSense.

Please go to the plugin admin page to
Paste your ad code OR
Suppress this ad slot.

denti bianchi (615 x 438)

DENTI BIANCHI Come mantenere un sorriso bello e sano

I rimedi naturali che venivano utilizzati in passato per sbiancare i denti, costituiscono ancora oggi la base di dentifrici e rimedi professionali per migliorare il nostro sorriso.
Questi trattamenti sbiancanti non sono tutti uguali. Mentre alcuni sono più delicati, altri sono più aggressivi e possono causare seri danni allo smalto dei denti. Perciò, nonostante sono etichettati come “naturali” è necessario utilizzare sempre la dovuta cautela e moderazione.
Ad esempio, se molti sono a conoscenza dell’effetto sbiancante del bicarbonato di sodio, pochi sanno che un suo utilizzo eccessivo può causare danni come: deterioramento dello smalto, sanguinamento gengivale, ipersensibilità dentale, alterazioni della naturale flora batterica della bocca ecc.
Vediamo qui di seguito i vari rimedi naturali, con annessi i vantaggi e gli svantaggi che ne conseguono.

Vantaggi e svantaggi dei vari rimedi naturali

Bicarbonato di Sodio

Vantaggi:
Rimuove macchie ed imperfezioni dallo smalto dentale.
Rende i denti lucidi e sani.
Addizionato ai dentifrici, il bicarbonato di sodio è indicato per ottenere un naturale effetto sbiancante.
L’attività sbiancante naturale del bicarbonato sui denti viene esercitata per abrasione.
Aggiungendo qualche goccia d’acqua, il bicarbonato funge da pasta dentifricia sbiancante naturale per denti.

Svantaggi:
È necessario risciacquare abbondantemente la bocca dopo aver utilizzato il bicarbonato di sodio.
Se si spazzola con eccessiva voga si rischia di danneggiare il dente.
L’uso prolungato può erodere lo smalto dai denti.
Dev’essere utilizzato in giuste dosi per evitare di mettere a rischio la salute dentale.
L’aumento del pH del cavo orale causato dal bicarbonato altera la flora batterica della bocca.
Controindicato in presenza di dentina e cemento radicolare esposti.
Può aumentare l’ipersensibilità dentale.

Salvia

Vantaggi:
Rimuove le macchie formatesi sulla superficie esterna del dente.
Sbianca naturalmente i denti esercitando un’azione abrasiva sia chimica che meccanica.
Esercita un discreto effetto antibatterico.
È un rimedio per l’alitosi.

Svantaggi:
Non abusare: è sufficiente ripetere l’applicazione due volte a settimana.
Un utilizzo eccessivo può aumentare la sensibilità dentale.

Acido malico
(È un alfa-idrossiacido caratteristico della frutta, particolarmente abbondante nella mela e nelle fragole)

Vantaggi:
Aumenta la luminosità dei denti.
Esercita un buon effetto sbiancante naturale.
Il succo di mele verdi è particolarmente ricco in termini di acido malico.
Il succo di mela può essere utilizzato come collutorio naturale.
La pasta di fragole dev’essere invece tenuta in posa sui denti almeno 5 minuti per assicurare un buon effetto sbiancante.

Svantaggi:
Utilizzare con cautela poiché l’acido malico potrebbe danneggiare lo smalto dei denti.
Non utilizzare oltre 2 volte a settimana.

Mele, Sedano e Carote

Vantaggi:
Questi alimenti fungono da smacchiatori perché aumentano la produzione di saliva, un agente autopulente fisiologico.
Aiutano a mantenere un alito fresco, ostacolando i batteri responsabili dell’alitosi.

Svantaggi:
Non sono segnalati particolari rischi o svantaggi legati allo sbiancamento con questi alimenti.

Limone (buccia + succo)

Vantaggi:
Esercita un valido effetto sbiancante.
Particolarmente indicato per sbiancare i denti ingialliti dal fumo di sigaretta.
Usare il succo come collutorio e strofinare la buccia direttamente sui denti.

Svantaggi:
L’abuso di questa sostanza sui denti può danneggiare lo smalto a causa della sua eccessiva acidità.
Dopo l’uso si raccomanda un immediato lavaggio della bocca con abbondante acqua tiepida.

Buccia d’arancia

Vantaggi:
Esercita un valido effetto sbiancante, simile al limone.
Anche qui si consiglia di strofinare la buccia dell’arancia direttamente sui denti.

Svantaggi:
In presenza di ipersensibilità dentale può aumentare il problema.

Your ads will be inserted here by

Easy Plugin for AdSense.

Please go to the plugin admin page to
Paste your ad code OR
Suppress this ad slot.

Perossido di Idrogeno (acqua ossigenata)

Vantaggi:
Una soluzione al 3% di acqua ossigenata può essere utilizzata come metodo occasionale per sbiancare i denti.
Si può ottenere una pasta dentifricia sbiancante mescolando 1 cucchiaino di bicarbonato di sodio con 2 di acqua ossigenata.
NON ingerire la sostanza

Svantaggi:
Un uso eccessivo può danneggiare gravemente lo smalto o la dentina. seguire gli stessi consigli espressi per il bicarbonato di sodio.
Risciacquare abbondantemente con acqua tiepida dopo il trattamento.

Cenere (di legno di noce)

Vantaggi:
È un antico rimedio utilizzato come trattamento per sbiancare naturalmente i denti.
L’azione sbiancante è dovuta all’idrossido di potassio contenuto nella cenere.
È anche possibile strofinare sui direttamente la corteccia di legno di noce per avere un effetto sbiancante.

Svantaggi:
L’idrossido di potassio può causare bruciore alla bocca.
Utilizzare con moderazione.

Uva passa

Vantaggi:
Contribuisce a mantenere i denti bianchi stimolando la produzione di saliva, rimedio naturale contro la placca.

Svantaggi:
Non sono segnalati particolari rischi legati al’uso dell’uva passa.

Ricordiamo lo sbiancamento dei denti non dev’essere eseguito in presenza di carie, piorrea, gengivite, tartaro e pulpite.

Per mantenere i denti bianchi è buona regola evitare, quanto più possibile, di macchiare i denti con alimenti o stili di vita nocivi.
Di seguito, alcuni consigli utili per mantenere i denti bianchi e sani più a lungo possibile:

– Accurata igiene orale.

– Lavare i denti dopo ogni pasto o spuntino.

– Non fumare.

– Alternare dentifrici con sostanze sbiancanti a quelli per denti sensibili.

– Attenzione ai dentifrici troppo aggressivi per lo smalto del denti.

– Utilizzare uno spazzolino a setole morbide.

– Non abusare di collutori disinfettanti.

– Limitare l’assunzione di caffè, tè e cioccolato.

– Utilizzare con cautela e per brevi periodi le sostanze sbiancanti naturali. Eccessivi trattamenti di sbiancamento dentale, sia chimici che naturali, possono aggredire lo smalto e rendere i denti ipersensibili.

 

La guida finisce qui. in caso vi servano maggiori informazioni o eventuali chiarimenti non esitate a lasciare un commento!!

M.